Uno Chef un Vino
Tutte le news
Condividi

Uno Chef un vino

Gli chef.
Creativi o tradizionalisti, perfezionisti sempre.
Campioni del made in Italy ai fornelli,
testardamente innamorati del loro lavoro.

Abbiamo ascoltato gli chef raccontare la loro cucina.
Testimoni della narrazione i loro piatti,
accompagnati da una flûte di ’61 Nature 2009, il nuovo nato in casa Berlucchi.
Dal racconto è nato UNO CHEF UN VINO, il ritratto in movimento di due belle personalità.
Seguiteci e scopritele con noi.

Il nostro viaggio nella cucina d’autore procede con Stefano Cerveni da Corte Franca.

Cerveni nasce a Rovato, capitale gastronomica della Franciacorta, il 4 novembre 1969.

Sin da piccolo assimila dalla nonna e dai genitori, allora proprietari della Locanda Due Colombe, la passione per la cucina. Dopo il diploma alla scuola alberghiera, affianca definitivamente il padre Giuseppe in cucina, diventando nel 2000 chef del ristorante di famiglia. Nel 2008 il Due Colombe è premiato con la Stella Michelin e due anni dopo avviene il trasferimento in una sede ancora più elegante e privata: il magnifico Borgo San Vitale a Corte Franca.

“Vorrei che la passione, la dedizione e l’impegno che metto nel mio lavoro, e che stanno dentro a ogni piatto, fossero ingredienti tangibili e percepibili dal cliente”, dice Cerveni. “Di conseguenza vorrei che il cliente potesse gioire del piacere della cucina in un ambiente rilassato, dove sentirsi a casa, ma senza rinunciare al servizio accurato del nostro staff e alla qualità assoluta delle materie prime che io e i miei cuochi utilizziamo in cucina”.

Tra i piatti preferiti di chef Cerveni un posto d’onore va a un classico del territorio, la tinca, pesce di lago che la sapienza del cuoco rende leggero ed esteticamente perfetto. Un piatto che l’abbinamento con Berlucchi ’61 Nature 2009 valorizza perché, secondo il sommelier del Due Colombe Gianluca Goatelli “l’intensità e la cremosità della tinca, valorizzate dalla gratinatura esterna del ripieno, si accordano alla lunga maturazione del Franciacorta. Il perlage finissimo, la sapidità e la freschezza di Nature prolungano il finale, regalando l’armonia ideale”.

cerveni
La tinca di Stefano Cerveni con Berlucchi ’61 Nature
Stefano Cerveni e il sommelier Gianluca Goatelli
Stefano Cerveni e il sommelier Gianluca Goatelli