Metodo Franciacorta
LAVORIAMO COL CUORE, PENSIAMO CON LE MANI.
  • METODO FRANCIACORTA
IL METODO FRANCIACORTA È PASSIONE UNITA A SAPER FARE.

Per offrire solo il massimo della qualità, senza compromessi, abbiamo creato il disciplinare produttivo fra i più severi al mondo. Lo abbiamo chiamato Metodo Franciacorta.

01
COLTIVAZIONE

Descrivere i vigneti Berlucchi come un posto meraviglioso e poetico non basta. Per rendere l’idea di questo luogo unico dobbiamo parlare anche di ricerca e innovazione.

Scopri
02
VENDEMMIA

Viene effettuata rigorosamente a mano e con l’utilizzo di piccole cassette per il trasporto dei grappoli. In questo modo il nostro tesoro arriva integro alla pressatura.

Scopri
03
PRESSATURA

Delicatezza, è la parola chiave che indica il processo di separazione con il quale otteniamo la materia prima da cui tutto ha inizio: il mosto.

Scopri
04
PRIMA FERMENTAZIONE

Il mosto si trasforma in vino in un ambiente a temperatura controllata e con un ridotto impiego di solfiti: meno del 50% rispetto a quanto concesso dal disciplinare biologico.

Scopri
05
REALIZZAZIONE DELLA CUVÉE

È una delicata procedura che può essere eseguita solo da esperti enologi. Si tratta di creare il vino desiderato attraverso l’assemblaggio di vini provenienti da fermentazioni diverse.

Scopri
06
IMBOTTIGLIAMENTO

Quando i lieviti hanno consumato tutti gli zuccheri le bottiglie iniziano l’affinamento nella cantina storica. Qui possono riposare da un minimo di diciotto mesi fino a un massimo di dieci anni.

Scopri
07
AFFINAMENTO

Quando i lieviti hanno consumato tutti gli zuccheri le bottiglie iniziano l’affinamento nella cantina storica. Qui possono riposare da un minimo di diciotto mesi fino a un massimo di dieci anni.

Scopri
08
REMUAGE

Terminato il periodo di affinamento, ciascuna bottiglia viene capovolta e ruotata con un ritmo definito per far scivolare i residui dei lieviti verso l’entrata del collo, a contatto con il tappo.

Scopri
09
SBOCCATURA

Le bottiglie capovolte passano attraverso un processo che ne congela solo i colli. In questo modo i residui si bloccano a contatto con il tappo. Poi la bottiglia viene stappata, e il residuo ghiacciato espulso. La piccola perdita di vino viene poi colmata con Franciacorta scelti dall’enologo.

Scopri
10
BOTTIGLIA

Finalmente viene inserito il tappo di sughero definitivo e vengono apposte le etichette. Ma non è finita perché ora la bottiglia dovrà riposare ancora da un minimo di tre mesi fino a un anno.

Scopri